">

19.a Domenica del T.O. – A

Se il tuo piede vacilla, se dubiti, se non
riesci a superare qualcosa, se cominci ad
affondare, esclama: “Signore, salvami!”.
Lui solo infatti ti libera dalla morte della
carne, egli che nella sua carne è morto per te.
S. Agostino, Discorso 76, 9

PRIMA LETTURA
Fermati sul monte alla presenza del Signore.
1Re 19,9.11-13

SALMO RESPONSORIALE
Sal 84

SECONDA LETTURA
Vorrei essere io stesso anàtema, separato da Cristo, a vantaggio dei miei fratelli.
Rm 9,1-5

CANTO AL VANGELO
(Sal 129,5)

VANGELO
Comandami di venire verso di te sulle acque.
Mt 14,22-33

PREGHIERA DEI FEDELI
Leggi

PERCORSO ESEGETICO

Chi diventa discepolo di Gesù
occorre sia pronto a salire
nella barca della Chiesa, compiendo
in essa il cammino della fede
che porta da questo mondo al Padre
e che precede la gioia della
piena manifestazione del Signore.

DAL VANGELO SECONDO GIOVANNI, CAP. 14, 1-11
Gli disse Gesù [a Tommaso]: “Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me”. (v. 6)

DAL VANGELO SECONDO MATTEO, CAP. 8, 23-27
Essendo poi [Gesù] salito su una barca, i suoi discepoli lo seguirono. (v. 23)

DAL VANGELO SECONDO MATTEO, CAP. 10, 32-39
Chi avrà trovato la sua vita, la perderà: e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà. (v. 39)
DAL VANGELO SECONDO LUCA, CAP. 5, 1-11
Tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono. (v. 11)

DAL VANGELO SECONDO LUCA, CAP. 9, 57-62
Gesù gli rispose: “Nessuno che ha messo mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio”. (v. 62)

DAGLI ATTI DEGLI APOSTOLI, CAP. 2, 32-48
Coloro che accolsero la sua parola furono battezzati e quel giorno si unirono a loro circa tremila persone. (v. 41)

DALLA LETTERA DI S. PAOLO APOSTOLO AI ROMANI, CAP. 8, 14-27
Nella speranza noi siamo stati salvati. Ora, ciò che si spera, se visto, non è più speranza; infatti, ciò che uno già vede, come potrebbe ancora sperarlo? Ma se speriamo quello che non vediamo, lo attendiamo con perseveranza. (vv. 24-25)

DALLA LETTERA AGLI EBREI, CAP. 11
Per fede Abramo, chiamato da Dio, obbedì partendo per un luogo che doveva ricevere in eredità, e partì senza sapere dove andava. (v. 8)

DAL LIBRO DELLA GENESI, CAP. 6, 5-7, 16
Noè entrò nell’arca e con lui i suoi figli, sua moglie e le mogli dei suoi figli, per sottrarsi alle acque del diluvio. (v. 7, 7)

DAL LIBRO DELL’ESODO, CAP. 3, 7-12
Sono sceso per liberarlo dalla mano dell’Egitto e per farlo uscire da questo paese verso un paese bello e spazioso, verso un paese dove scorre latte e miele. (v. 8a)

COMMENTO PATRISTICO

S. AGOSTINO
Dal Discorso 76, 8-9

Pietro dunque camminò sull’acqua per ordine del Signore, sapendo che non poteva aver questa forza da se stesso. In forza della fede riuscì a compiere ciò che l’umana debolezza non sarebbe stata capace di fare. …

Comandami – dice – di venire da te sull’acqua. Oso farlo come uomo; ma non lo chiedo a un uomo.

Me lo comanda Dio uomo, perché possa fare ciò ché non può l’uomo. Vieni, gli rispose. Pietro allora scese dalla barca e cominciò a camminare sull’acqua; Pietro poté farlo perché glielo aveva ordinato la “pietra”. Ecco ciò che Pietro fu in grado di fare per grazia del Signore; che cosa poté fare con le sue forze?

Vedendo la forza del vento impetuoso ebbe paura e, poiché cominciava ad affondare, gridò: Signore sono perduto, salvami! Ebbe fiducia nel Signore, riuscì grazie al Signore; vacillò invece in quanto uomo e ricorse al Signore. Se dicevo: il mio piede vacilla (Sal 93, 18). Così dice il salmo. È parola di un santo inno di lode a Dio e, se lo comprenderemo, anzi se lo vorremo, anche nostra. Se dicevo: il mio piede vacilla. Perché vacilla, se non perché è mio? E continua dicendo: La tua misericordia, o Signore, mi aiutava.

Non il mio potere, ma la tua misericordia. Il Signore abbandonò forse lui che vacillava quando ne aveva ascoltato la preghiera? Dove sarebbe la verità della seguente affermazione: Chi l’invocò e fu abbandonato? (Sir 2, 12). Dove la verità di quell’altra: E chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvo (Gl 2, 32)? Porgendogli subito la sua mano per aiutarlo, lo sollevò mentre affondava, ma lo rimproverò di aver diffidato: Uomo di poca fede, perché hai dubitato? Hai avuto fiducia in me e poi hai dubitato del mio potere.

Considerate il mondo come se fosse un mare, un vento furioso e una gran tempesta. Per ciascuno la propria cupidigia è una tempesta. Se amerai Dio, camminerai sul mare, sotto i tuoi piedi sarà la superbia del mondo. Se tu ami il mondo, la tempesta t’inghiottirà. Esso può divorare i suo amanti, ma non può sostenerli. Orbene, quando il tuo cuore è agitato dalla cupidigia, per poterla vincere invoca la divinità di Cristo.

Vedi

Download diretto

File Dimensione del file
pdf R_19_TO_A_2020 277 KB

Vedi anche

4.a Domenica del T.O. – B

La medicina della salvezza ha dovuto operare
contro lo stesso autore della morte,
riducendo innanzitutto al silenzio la
lingua del serpente, affinché non spargesse
più oltre il suo veleno.
S. Beda il Venerabile, Esp. sul vang. di Marco, I

Su questo sito Web utilizziamo strumenti nostri o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione o per permettere la condivisione sui Social Network (cookie di terze parti); alcuni partner ci offrono servizi per i quali vengono installati i loro cookie statistici e di marketing. Possiamo utilizzare i cookie tecnici senza alcun consenso da parte tua, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie di terze parti. Abilitando questi cookie, ci aiuterai a offrirti una migliore esperienza di navigazione. Approfondisci leggendo la COOCKIE POLICY.